Archivio | novembre, 2015

MERCATINO DI SAN NICOLÒ A PORTOPICCOLO

30 Nov

SanNicoloPP_02

Da sabato 5 a mercoledì 9 dicembre 2015 Portopiccolo organizza un nuovo appuntamento: il Mercatino di San Nicolò. Nel suo peregrinare per incontrare i bambini di tutto il mondo San Nicolò farà tappa a Portopiccolo animando a festa il borgo gioiello incastonato nella Baia di Sistiana con tanti eventi e iniziative dedicati a grandi e piccini. In un’atmosfera festosa di dolci profumi e golosità zuccherine, sarà possibile passeggiare tra allegri chalet, laboratori di creatività, musica e tante sorprese.

Si comincia sabato 5 dicembre alle ore 11.00 con l’inaugurazione del Mercatino: 12 baite in legno ospiteranno ricche proposte golose quali prodotti da forno, dolci classici, dolci tipici e un grande protagonista: il cioccolato! Cioccolato in tutte le sue declinazioni, all’insegna dell’alta tradizione dei “mâitres chocolatiers”. Fra gli stand sarà possibile degustare e acquistare innumerevoli creazioni al cacao rigorosamente lavorate con tecniche artigianali per risaltarne profumi e aromi. Parallelamente al Mercatino di San Nicolò numerose iniziative scalderanno questo lungo Ponte dell’Immacolata. Si parte con un appuntamento fisso: il Tè delle Cinque. Tutti i pomeriggi una ricca selezione di infusi e pasticceria sarà servita alle 17.00 presso La Piazzetta, il lounge bar dell’hotel 5 stelle lusso del complesso: il Falisia, a Luxury Collection Resort & Spa, Portopiccolo. Alle ore 18.00 di sabato l’aperitivo del BaBar si animerà con la musica live del duo B2B, ed accanto, nella via dello Shopping fronte mare, avrà luogo l’inaugurazione della profumeria Grela Parfum – L’Olfattorio Bar à Parfums. Alla sera presso il Ristorante Cliff del Falisia “La Carnia incontra il mare” in una cena con degustazione vini dell’Azienda Agricola Dorigo.

Annunci

FRATELLANZA?

30 Nov

Bergoglio ha chiamato “fratelli” i musulmani. Può andar bene nel senso di componenti dell’umanità, ma non in senso di fede perché i musulmani non riconoscono la messianicità di Gesù di Nazareth.

 

LA BELLEZZA DELLA DIVERSITÀ

29 Nov

dna

Se fossimo d’accordo su tutto cosa ne sarebbe del nostro DNA?

BUCCE DI CIPOLLA

27 Nov

Gli ebrei pagano la decima dei loro averi prima al Tempio di Gerusalemme, ora alla sinagoga, e in Italia posso detrarre questa spesa dalla dichiarazione dei redditi.

“Dovrai prelevare la decima da tutto il frutto della tua sementa, che il campo produce ogni anno. Mangerai davanti al Signore tuo Dio, nel luogo dove avrà scelto come sede del suo nome, la decima del tuo frumento, del tuo mosto, del tuo olio e i primi parti del tuo bestiame grosso e minuto, perché tu impari a temere sempre il Signore tuo Dio”. (Deuteronomio 14:22-23)

Un rabbino me la spiegò così.

“Prendiamo dieci cipolle, per praticità tutte da un etto, tu come faresti?”

“Nove cipolle a me e una all’Eterno”

“Poiché nella Torah è detto di dare all’Eterno le primizie, alcuni offrono all’Eterno un etto di bucce di cipolle e trattengono per se il resto, perché senza dubbio la buccia è “la primizia” della cipolla”.

A significare quanti – non solo ebrei – addomesticano a loro vantaggio i comandi di Dio”.

25NOVEMBRE TUTTO L’ANNO

26 Nov

postooccupato

Sarebbe buona cosa che coloro che posso farlo, penso  a edifici pubblici e locali aperti aperti al pubblico (alberghi e ristoranti), continuino ad esporre un posto occupato, a significare che l’emergenza non si esaurisce il 25 novembre.

DI DONNE E DI GIOCATTOLI

25 Nov

“Subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla che non intendeva compromettersi in una relazione troppo seria. Parlò cioè a un dipresso così: – T’amo molto e per il tuo bene desidero ci si metta d’accordo di andare molto cauti. – La parola era tanto prudente ch’era difficile di crederla detta per amore altrui, e un po’ più franca avrebbe dovuto suonare così: – Mi piaci molto, ma nella mia vita non potrai essere giammai più importante di un giocattolo. Ho altri doveri io, la mia carriera, la mia famiglia”. (enfasi mia). Italo Svevo, Senilità.
Molti, troppi uomini la pensano ancora così.

 

METTETE DEI LIBRI NEI VOSTRI CANNONI

24 Nov

Sostengo la decisione del governo di dare un bonus di € 500,00 ai diciottenni da spendere in cultura perché la guerra, prima che con i cannoni, si vince con la cultura.

Ignorance

Rimango unn po’ perplesso sull’età, perché a diciott’anni molti – non tutti – giovani non sanno neppure dov’è la loro biblioteca di quartiere e sappiamo che l’Italia è al primo posto nella classifica OCSE per l’analfabetismo di ritorno.

Mi auguro solo che il buono sia a rendicondazione o ad accesso mirato (biblioteche, musei, teatri).