Archivio | uomini RSS feed for this section

SULLA PROPRIETÀ

19 Giu

Nella lingua ebraica non esiste il verbo avere, “ho una casa” sarà espresso quindi con la locuzione “una casa è a me”.

Ciò rispecchia l’insegnamento per cui l’essere umano non è proprietario, ma solo prestatario, e gli ebrei lo ricordavano con il giubileo in cui le proprietà terriere tornavano al proprietario precedente.

Basterebbe pensare qualche volta secondo la sintassi ebraica, quando diciamo “mia moglie”, “la mia compagna” o “i miei figli”, per rammentare che  essi vivono di vita propria prima di essere in relazione con noi.

“(Questa) moglie/compagna o (questi) figli sono a me” sposta l’enfasi dalla  falsa proprietà al dono ricevuto.

COSE “DA DONNE” E COSE “DA UOMINI”

13 Giu

Sono sorprendenti la spontaneità e facilità tipiche delle donne nel parlare con naturalezza tra loro di malattie, esperienze e rimedi, scambiandosi consigli terapeutici, spesso sbagliati dovuti al passaparola. Più che argomenti sul quale confrontarsi momenti di solidarietà

Gli uomini non lo fanno, forse per pudore ma molto spesso per trascuratezza verso sé stessi, salvo poi esprimere il ridicolo “sto morendo!” quando il termometro arriva a 36,9°. Al più tra loro parlano di sport, finanza e tecnologia, non tutti e non sempre, ma spesso con incompetenza nelle varie materie.

GENOCIDIO

10 Mag

Non chiedete di Aleppo alla gente comune, ma ai Plato, agli Erode, ai Caifa di oggi che potrebbero fare ma non fanno.

IL MASCHIO SI GIRA

15 Apr

tumblr_nt2lvbzWZc1soupk2o2_500

Oltre a qualche uomo che dimenticando il buon gusto cammina in città in pantaloncini, le signore cominciano a indossare le gonne segno evidente della primavera.

La minigonna ha da poco compiuto cinquant’anni. Dopo le prime normali perplessità è entrata nella nostra cultura e sta al buon gusto della ragazza o giovane donna indossarla appropriatamente, così come sta agli uomini non farci caso e guardare la persona, collega o passante casuale, senza desiderio.

Molti “maschi” italiani purtroppo sono ancora rappresentati dalla famosa fotografia di Mario De Biasi “Milano si gira” che ritrae la giovane Moira Orfei in piazza Duomo e tutti, fateci caso, proprio tutti gli uomini che si girano a guardarla.

Il brutto spettacolo sono loro.

UOMINI E DONNE GIOCATTOLO

31 Mar

Italo Svevo naque in quella Trieste che lo vide compagno di Umberto Saba e James (Giacomo) Joyce.

Nel romanzo Senilità, ambientato a Trieste, racconta della vita di Emilio Brentani, un impiegato senza troppe aspirazioni in una compagnia di assicurazioni, e delle sue presunte avventure amorose con Angiolina Zarri, donna totalmente diversa da lui.

L’incipit del romanzo è la descrizione di un uomo che considera la donna come un oggetto usa e getta, come, purtroppo ce ne sono anche nella realtà.

Subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla che non intendeva compromettersi in una relazione troppo seria. Parlò cioè a un dipresso così: – T’amo molto e per il tuo bene desidero ci si metta d’accordo di andare molto cauti. – La parola era tanto prudente ch’era difficile di crederla detta per amore altrui, e un po’ più franca avrebbe dovuto suonare così: – Mi piaci molto, ma nella mia vita non potrai essere giammai più importante di un giocattolo. Ho altri doveri io, la mia carriera, la mia famiglia.

La sua famiglia? Una sola sorella non ingombrante né fisicamente né moralmente, piccola e pallida, di qualche anno più giovane di lui, ma più vecchia per carattere o forse per destino. Dei due, era lui l’egoista, il giovane; ella viveva per lui come una madre dimentica di se stessa, ma ciò non impediva a lui di parlarne come di un altro destino importante legato al suo e che pesava sul suo, e così, sentendosi le spalle gravate di tanta responsabilità, egli traversava la vita cauto, lasciando da parte tutti i pericoli ma anche il godimento, la felicità. A trentacinque anni si ritrovava nell’anima la brama insoddisfatta di piaceri e di amore, e già l’amarezza di non averne goduto, e nel cervello una grande paura di se stesso e della debolezza del proprio carattere, invero piuttosto sospettata che saputa per esperienza”.

Molti uomini la pensano ancora così. 😦

“PIACERE, CRISTINA!”

6 Mar

Al cambio di casa, un vicino saluta la nuova venuta, “Buongiorno!… Signora o signorina?”.

“Piacere, Cristina”.

Un paio di giorni dopo, con malcelata insistenza, “Buongiorno, ma… debbo chiamarla signora o signorina?”.

“Buongiorno, gliel’ho detto” risponde con cortesia “mi chiamo Cristina”.

“Secondo me” ha commentato Cristina “voleva sapere se oltre la mia porta c’è un uomo”.

Perché il sessismo si nasconde, male, anche dietro le parole.