ESSERE COMUNITÀ

4 Giu

IMG_20170527_215723

Il termine chiesa deriva dal greco ἐκκλησία e non si riferisce al luogo di culto ma vuol dire radunanza, comunità. Prendo a prestito queste parole del filosofo polacco Zygmunt Bauman, morto lo scorso gennaio, perché purtroppo ben si applicano a molte chiese del cristianesimo di oggi, per le quali, anche se non lo ammettono, conta più il numero e l’apparenza che la sostanza, l’essere chiesa, appunto, dimenticando la promessa di Gesù, “Dovunque due o tre – non duemila o tremila, ventimila o trentamila – sono riuniti nel mio nome sono in mezzo a loro”.

La chiesa, come Gesù disse alla samaritana al pozzo, e come ribadì l’apostolo Paolo agli ateniesi, non è l’edificio, ma i credenti che si incontrano, cosa che potrebbero fare lì come in qualsiasi altro luogo, anche in campagna sotto un fico. Gesù che, non dimentichiamo, era un ebreo e frequentava il tempio di Gerusalemme, ma predicava dovunque trovasse persone con il cuore aperto, come nel famoso sermone sul monte.

Chiesa non è quella che pretende di avere l’esclusiva sulla Verità, vuoi perché per molti secoli ha proibito la lettura delle Scritture, vuoi perché pretende di essere l’esclusiva proprietaria della sua interpretazione. Ispirate sono le Scritture e non questa o quella traduzione e questa o quella interpretazione.

La chiesa non è una realtà statica ma al contrario è fortemente dinamica che, già nell’incontro e nello scontro tra la cultura ebraica e quella greca, ha saputo scendere a un compromesso – compromesso non è una brutta parola – del quale è rimasto solo il divieto dei disordini sessuali.

Gesù non ha detto ai suoi discepoli di andare per il mondo a fondare chiese, ma a convertire le singole persone.

In quest’anno in cui ricorre il cinquecentenario della Riforma, momento storico, che dopo Pietro Valdo e Francesco d’Assisi per citare due persone famose, ha dato un nuovo slancio al cristianesimo, è bene ricordare che l‘ecumenismo che rispetta la differenze non può essere oggetto di trattati calati dall’alto o accordi stretti dai vertici di organizzazioni ma si realizza dal basso, con i gesti di ogni giorno, mettendo in pratica il grande comandamento “Amerai il tuo Dio sopra ogni cosa e il tuo prossimo come te stesso”. Tutto il resto ne è una conseguenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: