RIPARTIRE PER ATTUARE

6 Dic

costituzioneitaliana

Quasi tutta la giornata di ieri è stata dedicata più che alla bocciatura della riforma costituzionale alle dimissioni di Matteo Renzi. Dimissioni e crisi di governo che certo hanno un pesante riflesso sulla vita polita italiana e, in parte, dell’Unione Europea.

Resta però il fatto che il 60,1% ha ritenuto opportuno non accettare la riforma e mantenere la Costituzione del 1948 e relative modifiche. Che alcuni o molti abbiano votato no per antipatia a Maria Elena Boschi o a Matteo Renzi e il suo governo non deve distrarci.

Dunque, ricominciamo.

La Costituzione c’è. Ciò che è mancato e continua a mancare, come da quasi subito aveva denunciato Piero Calamamandrei ritardi riguardo all’applicazione dell’art. 34 sul diritto allo studio.

Chi deve darsi da fare, perché il futuro è più loro che delle persone avanti con l’età, è quel 70% di giovani che hanno preferito mantenere la Carta costituzionale del 1948.

Darsi da fare in tutte le sedi legali affinché i suoi principi siano attuati, cominciando col pretendere che, una volta emanata una legge questa non sia resa vana per la mancata emanazione dei decreti attuativi.

Mi vengono in mente, a solo titolo di esempio tra i molti altri, oltre al citato art. 34 e seguenti sul diritto allo studio

  • la pari dignità sociale, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni sociali e personali (art. 3)

  • l’inviolabilità della libertà personale (art. 13), la libertà di pensiero (art. 21) del nome (art. 28), particolare importante a cui pochi fanno caso.

  • la responsabilità penale personale (art. 27) e quella dei funzionari e dipendenti (art. 28), perché la libertà è fatta di diritti ma anche di doveri

  • il diritto alla famiglia (art. 29 e succ.) e alla salute (art. 32)

  • il diritto al lavoro, citato negli art. 35 e seguenti, in particolare l’art. 37, in cui compare per la prima volta la parola donna e dice che le donne hanno diritto alla parità di retribuzione. La costituzione non tutela le “quote rosa”, che son finite per confinare le donne in “riserve protette”, ma la parità di genere.

Questi sono solo alcuni articoli di un elenco certamente più lungo su cui lavorare e pretendere risposte.

Scherzosamente ieri qualcuno ha scritto che i diciottenni con il “bonus cultura” hanno comperato una copia della Costituzione. Per molti sarebbe un buon primo passo. Far politica non è solo candidarsi e essere eletti, ma anche tenersi informati, seguire gli eventi nel micro (la propria città) e nel macro (la nazione), rivendicando i propri diritti nelle sedi opportune.

Utopia? Sì, no, forse… non so dare una risposta, ma sono abituato ai refoli della Bora, vento gelido da Est-Nord-Est, che nei suoi mulinelli da dietro le spalle te lo trovi diritto in faccia. Parafrasando il “cambiaverso”, può cambiare anche il vento, e incanalarsi nella direzione giusta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: