QUANDO TACERE È MEGLIO

9 Nov

Un giorno una volpe spinta dalla fame, gironzolando qua e là, trovò una vigna dagli alti tralicci. Ecco disse:” finalmente qualcosa di prelibato”. Tentò allora di saltare spingendo sulle zampe con quanta forza aveva in corpo….ma nulla.

Calma, si disse:” io così furba non posso arrendermi ma, devo escogitare qualcosa per raggiungere quell’uva”. Dopo un breve riposo riprese a saltare ma dopo alcuni balzi, non potendo neppure toccarla, così disse mentre mestamente si allontanava: “ Pazienza, non è ancora matura, non mi va di spendere troppe energie per un frutto ancora acerbo”.

Donald Trump, lo si voglia o no, è il nuovo presidente degli Stati Uniti.

Ora comincerà, anzi è già iniziata, la corsa ai distinguo, ai consueti “sì, ma”.

Tra questi uno è quello di Barak H. Obama, presidente uscente, che, con una frase infelice, ha detto, “Comunque vada domani il sole sorgerà lo stesso”, più o meno come Rossella O’Hara nella scena finale di Via col vento. Caro Barak, in questi casi non si commenta, ma si lascia che la perdente telefoni al vincitore congratulandosi con lui.

L’altra è delle e dei femminist* che hanno detto o diranno come Donna moderna alla candidatura “Hillary Clinton è già nella storia”. Come diceva Enzo Ferrari arrivare secondi vuol dire perdere. Punto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: