AD IMPERITURA MEMORIA

20 Lug

Continua a essere alta sul Piccolo di Trieste, a p. 18, l’attenzione alle vicende legate al restauro del Sacrario Mariano di Monte Grisa e il buco di 300.000 euro, di cui ho già scritto ieri  con le  opposte fazioni, coloro che ricordano l’episodio della peccatrice che unse i piedi di Gesù con l’olio di nardo, un unguento molto costoso, e coloro che pongono invece l’enfasi sulla crisi economica che sta attraversando la città con il calo del 37,6% delle assunzioni in Friuli Venezia Giulia.

A me torna in mente una parabola di Gesù legata al denaro, “Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento? Per evitare che, se getta le fondamenta e non può finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro. Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda un’ambasceria per la pace. Così chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo” (Matteo 14:28-33, enfasi mia).

Più volte nel Nuovo Testamento si parla di denaro, che non è negativo in sé come ha detto qualcuno chiamandolo “sterco del demonio” ma nell’uso che se ne fa, perché non è il denaro ma l’amore per esso, la cupidigia, ad essere origine di ogni male.

Va da sé che chi amministra il denaro deve saperlo fare, o avere l’avvedutezza di farsi aiutare.

L’appello di Luigi Moro ai triestini, cattolici e non, è una cosa, ma la promessa di incidere il nome di chi donerà più di mille euro e sarà “ricordato in eterno” – capisco il tono iperbolico della promessa ma un prete dovrebbe scegliere le parole giuste, considerando che anche il tempio di monte Grisa prima o poi finirà – cosa che peraltro rammenta i mattoni di San Francesco, finiti in tribunale, ma questo è un altro discorso, più che far leva sulla carità la fa sulla voglia di celebrità, è un’altra cosa.

Ho sempre pensato che per rimpinguare le casse della Motorizzazione civile in Italia basterebbe introdurre le targhe personalizzate, come in Canada, negli Stati Uniti e nelle vicine Austria, Croazia e Slovenia. Posto 100 il costo di un’immatricolazione far pagare 500 per la targa personalizzata, e con la vanità degli italiani sarebbe cosa facile. Ma ciò non ha nulla a che vedere con la fede e con il sacro.

Di denaro, purtroppo, si ha memoria per la vendita delle indulgenze, cioè del perdono dei peccati, per la costruzione della cattedrale di San Pietro, cosa che gli apostoli condannarono già all’inizio della chiesa quando un certo Simone Mago, visti i miracoli che essi compivano, offrì del denaro per acquistare quel potere.

D’accordo, avere un nome inciso da qualche parte nel santuario di Monte Risa è molto diverso da acquistare il perdono dei peccati, ma mischiare il denaro con le cose di Dio è sempre pericoloso, così come lo è confondere spritualità con celebrità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: