IN UNA GROTTA

7 Feb

“…e scendi in una grotta al freddo e al gelo…” cantano i nostri bambini per Natale.

Scrive David Grossman nel libro “La guerra che non si può vincere” che “il 16 novembre 1999 l’esercito israeliano ha evacuato 750 palestinesi da alcune grotte a sud di Hebron, in Cisgiordania…”.

Famiglie con bambini piccoli che alla fine del ventesimo secolo vivevano in grotte, come quelle famose di Matera.

Io che sono nato con la luce elettrica e l’acqua in casa ho fatto fatica a comprendere come vivessero sessant’anni fa in un trullo – col lume a petrolio e l’acqua fuori, ghiacciata in inverno – certo non confortevole come il mio di ora, e faccio ancor più fatica a leggere le parole di Grossman.

Possiamo parlare di guerra, ma la cattiveria umana contro indifesi come questi è un’altra cosa, è umiliare il prossimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: